Caricamento...
img

Profumo di brand

Creato da Enrico Meloni, il 03/02/2020

Tu chiamale se vuoi…..Emozioni: Così si concludeva l’inciso di una famosissima canzone, frutto del sodalizio artistico Battisti-Mogol, capace di trasmettere con il contenuto delle due strofe principali e della particolare melodia, suggestioni tali da fissarsi indelebilmente nella memoria dell’ascoltatore e creare una sorta di “record” contenente il carattere distintivo e valoriale dell’artista.

Un brand, al pari di un’artista, per creare la propria identità e quindi essere percepito in maniera netta e distinguibile rispetto i propri competitor, deve saper strutturare e perseguire una strategia di comunicazione Cliente- centrica dove quest’ultimo possa stabilire un contatto diretto con il prodotto.

Va da sé che per ambire a diventare leader di mercato e accrescere la propria reputazione come Brand, occorrerà contemplare nella propria strategia di comunicazione, una campagna di marketing sensoriale capace di coinvolgere il proprio pubblico in un percorso che gli consenta di annusare, vedere, assaporare, sentire, ascoltare e, ... emozionarsi. L’avvento della globalizzazione dei mercati e le politiche di marketing massivo hanno reso i consumatori saturi di informazioni e quindi sempre meno influenzabili da aspetti come il prezzo o la qualità di un determinato prodotto; pertanto un’appropriata strategia di marketing sensoriale, indipendentemente dal settore merceologico, consente di mantenere alto l’engagement emotivo dei clienti e di accrescere nel contempo l’awareness e la reputation del proprio brand.

Per meglio comprendere l’efficacia di una strategia  di marketing sensoriale, provate a pensare al senso di benessere che si prova entrando nella bottega di un fornaio che ha appena sfornato il pane o quando una gentil donna soggiace al nostro fianco, con indosso solo qualche goccia di CHANEL n°5, per realizzare come in queste circostanze ogni nostro filtro diventi permeabile e ci si lasci conquistare e ammaliare dai sensi, concedendosi spesso più di quanto in situazioni diverse non ci saremmo concessi e generando nel contempo una traccia mnemonica di sensazioni riconducibile al Brand.

Il corpo umano è capace di ricordare l’1% di ciò che tocca, il 2% di ciò che ascolta, il 5% di ciò che vede, il 15% di ciò che assaggia e il 35% di ciò che annusa reagendo alle sensazioni che percepisce attraverso i recettori sensoriali con meccanismi fisiologici e neurologici capaci di stimolare ed attivare il sistema endocrino il quale, a sua volta, scatena una serie di reazioni ben strutturate in tutti gli altri sistemi funzionali del nostro organismo: Il Sistema Nervoso Centrale, Periferico, Immunitario, Neurovegetativo, in grado di agire sul comportamento.

Una Ferrari bianca o nera (colori alquanto attuali nel mercato delle auto) sarebbe sempre una Ferrari, ma sarebbe privata di quella particolare componente eccitatoria della “Rossa” che nella nostra memoria evoca la simbologia, la tradizione e l’Identità cromatica caratteristica del brand.

La rossa di Maranello è decisamente la sportiva più desiderata al mondo ma la sua attrattività, oltre alle ineguagliabili caratteristiche tecnico- costruttive e uno stile dalle linee intramontabili è riconducibile proprio alla scelta del colore rosso della sua livrea, colore che simboleggia tutto ciò che crea emozione: Sesso e attività ad alta componente di rischio. Fisiologicamente e psicologicamente un’auto rossa ci emoziona perché rappresenta una sfida, un pericolo, una competizione, una lotta: sensazioni forti e tipicamente radicate soprattutto nel target di utenza primaria a predominanza maschile.

Il coinvolgimento sensoriale ed emotivo è quindi una leva fondamentale per attivare l’interesse e la fedeltà dell’acquirente al brand che riuscirà di conseguenza a ottenere performance migliori rispetto alla concorrenza. Ecco perché diventa essenziale che il prodotto sappia attivare i sensi, le percezioni e i ricordi correlati, In questo modo, susciteremo con facilità le emozioni delle persone che saranno quindi più portate a interagire e ad avere una relazione duratura con il brand.